Quattro passi per Scauri con il Sindaco di Minturno Paolo Graziano

Ho incontrato il Sindaco di Minturno Paolo Graziano, cui sono legato da stima ed amicizia e con cui divido un profondo ed incondizionato amore per tutto il territorio del sud pontino posto sotto la competenza territoriale del predetto Comune. Paolo Graziano, nato a Minturno il 10.05.1948, è laureato in scienze biologiche, coniugato con la signora Gabriella ed ha un figlio. Da sempre si occupa della sua città infatti è consigliere comunale ininterrottamente dal 1973, è poi stato Vice Sindaco ed Assessore ai lavori pubblici e all’Urbanistica nonché membro dell’Ente provinciale di Latina e Presidente dell’azienda autonoma di soggiorno e turismo di Scauri. Nel 1995, l’impegno profuso negli anni precedenti lo ha portato ad essere il candidato di Forza Italia per l’elezione a Sindaco, puntualmente arrivata. L’operato incessante e leale di Paolo Graziano durante il suo primo mandato di Sindaco è stato pienamente riconosciuto e premiato dai suoi concittadini che cinque anni più tardi, nel 2000, lo hanno rieletto Sindaco con il 73% delle preferenze, facendogli addirittura raggiungere un gradito primato: terzo in tutto il territorio nazionale, relativamente alle preferenze ottenute per la nomina a Sindaco. A metà del secondo mandato ho ritenuto opportuno incontrarlo, per tracciare dinanzi ad un aperitivo un bilancio del suo operato, iniziativa alla quale l’amico Paolo ha cordialmente aderito.

A metà del tuo mandato come giudichi il tuo operato?

Per un Sindaco l’operato ed i traguardi raggiunti o da raggiungere non possono mai prescindere dal rapporto che si ha con i dipendenti e con i cittadini. Con i primi il rapporto è eccellente, non ho mai avuto contrasti con alcuno e cerco di venire sempre incontro alle singole esigenze. Con i concittadini il rapporto è assolutamente cordiale, per loro sono Paolo, mi fermano al bar, in pizzeria, al supermercato, vengono addirittura a casa, per espormi i loro problemi a cui cerco sempre di dare una risposta o di trovare, nei limiti del possibile, una soluzione. Premesso quanto detto, che a livello personale già mi soddisfa, posso dirti che ci siamo attivati per cercare di rendere la città sempre più vivibile a quanti vi vivono o vi soggiornano per le vacanze. Credo che in parte abbiamo raggiunto l’obiettivo, se è vero, che negli ultimi anni la città è abbastanza popolata anche nei week-end invernali. A livello urbanistico credo ci siano stati dei miglioramenti tangibili, l’illuminazione è buona, i marciapiedi sono più puliti e la manutenzione viene eseguita con maggiore attenzione, ovunque c’è uno spiazzo abbiamo cercato e stiamo cercando di mettere delle piante per abbellire la zona; durante le recenti festività abbiamo cercato con addobbi e luminarie di dare colore alla nostra città. Con il tempo, grazie anche al grande affiatamento della Giunta Comunale, sono certo si farà sempre di più per migliorare tutto il Comune.

Parlami di un’opera realizzata che ti ha arrecato particolare soddisfazione.

In tutto ciò in cui mi prodigo cerco di dare il massimo e non sono mai pago, ultimata un’opera già penso ad un’altra miglioria da apportare. Ogni cosa che ho fatto negli anni, anche quando rivestivo altri incarichi, mi ha dato gioia perché sono di questa terra e la conosco e la amo in ogni suo angolo. Mi occupo del mio Comune con la stessa determinazione e lo stesso impegno con cui curo il giardino di casa mia; vorrei per esempio che Scauri tornasse ad essere il giardino di un angolo d’Italia, così come lo era negli anni ’30 allorché romani e napoletani, se volevano godere di aria buona e di uno splendido mare altrove non potevano recarsi se non a Scauri, che era la città più vicina collegata con una stazione ferroviaria. La civiltà nella nostra terra è passata si è fermata e ci ha insegnato molte cose, dobbiamo farne sempre tesoro. Nell’attesa di rinverdire del tutto i fasti del passato, stiamo lavorando per ultimare molte opere e molte altre le abbiamo già realizzate; l’opera che mi ha comunque arrecato maggiore soddisfazione, per tornare alla tua domanda, è stata la restaurazione di alcune case site nel centro storico di Minturno, che durante il secondo conflitto mondiale erano state distrutte. Tale restauro, che si è realizzato di intesa con l’istituto delle case popolari e con il finanziamento della Regione Lazio, è stato eseguito mirabilmente, al punto che nel 2000 in occasione di una mostra a Venezia dal tema “urbanizzazione e rispetto del centro storico”, è stato portato ad esempio. Tale considerazione ha permesso di far conoscere a quanti partecipavano alla mostra il nostro Comune ed ha evidenziato le capacità e la metodologia con cui lavoriamo.

Il Castello Baronale ed il Teatro Romano di Minturno, due fiori all’occhiello del nostro Comune.

Abbiamo riaperto il Castello Baronale ed abbiamo ospitato durante le recenti festività natalizie una mostra di presepi. Visto il grande successo l’anno prossimo ripeteremo senz’altro questa iniziativa e cercheremo di coinvolgere anche altre Regioni al fine di far esporre i loro presepi tradizionali. Cercheremo inoltre di ospitare altre manifestazioni culturali in questo castello dalle nobili tradizioni. Quanto al Teatro Romano di Minturno, posso dirti che questo rappresenta davvero un sito archeologico di grande bellezza. Ho profuso negli anni, anche quando rivestivo altri incarichi, energie ed impegno per l’apertura di questo teatro e non ho assistito in maniera inerme alla sua successiva chiusura ma mi sono attivato a tutti i livelli e senza soluzione di continuità affinché fossero effettuati quei lavori che la Soprintendenza aveva indicato e ho quindi esultato, da minturnese, per la nuova e definitiva riapertura. Il teatro, che può essere visitato tutto l’anno, è meta di turisti ed appassionati di storia e di archeologia. Durante l’estate vi si esibiscono le migliori compagnie teatrali ed i più famosi cantautori italiani; particolarmente apprezzato è stato l’estate scorsa il concerto tenuto da Massimo Ranieri che ha fatto registrare il tutto esaurito.

Quali iniziative o manifestazioni culturali pensi di promuovere per l’anno in corso?

Proprio la settimana scorsa ho contattato Lucio Dalla, che è stato insignito lo scorso anno della nostra cittadinanza onoraria e che con molta probabilità tornerà durante l’estate prossima a Scauri per allietarci ancora una volta con le sue canzoni e per ritirare materialmente la cittadinanza. Lucio Dalla, che è un amico della nostra terra e ne apprezza i colori e i sapori, negli ultimi anni si è esibito per ben due volte gratuitamente a Scauri. Abbiamo inoltre in mente, (e tu lo sai bene), con te e l’addetto stampa del Comune Antonio Lepone, di organizzare per il mese di luglio, sperando che diventi negli anni un appuntamento fisso per i residenti ed i villeggianti, una serata in riva al mare dedicata all’amarcord, in cui artisti, politici e sportivi che hanno frequentato e che frequentano tutt’ora il nostro Comune, ci parlino dei sentimenti che provano per la nostra terra e ci confidino delle “chicche” legate ad essa che li riguardano. Seguiremo poi con il consueto calore tutte le feste delle varie frazioni, le feste patronali di Minturno e di Scauri e la Sagra delle Regne; particolare attenzione rivolgeremo come al solito alla consegna del premio Emilio Scauro a quei villeggianti più fedeli che da decenni frequentano la nostra città e alla Settima Traversata del Caimano, gara nazionale di mezzo fondo, che è ormai diventato un appuntamento atteso da tutti i villeggianti. Saluteremo quindi ad Agosto nell’ormai tradizionale “Arrivederci a Scauri” i turisti, auspicando che gli stessi tornino ad onorarci della loro presenza l’anno successivo per un tempo sempre maggiore e sempre più numerosi. Se durante l’anno ci verranno altre idee te le comunicherò.

Parlaci dei concittadini onorari e dei personaggi illustri di Minturno – Scauri.

Questo è un altro lietissimo punto.La nostra terra è stata baciata nel tempo dalla storia, dalla Chiesa, dalla politica, dallo sport e dal mondo militare. Il Princeps Senatus Emilio Scauro ha fondato Scauri, Caio Mario inseguito dagli uomini del nemico Silla si rifugiò a Minturnae, Antonio Sebastiani, scrittore del 500 ed originario di Traetto, fu menzionato dal Tasso nei dialoghi sulla “bellezza” ovvero “Minturnae” (questo era il soprannome che veniva rivolto allo scrittore). Mi tornano poi alla mente le passeggiate che faceva a metà degli anni ’70, sul lungomare di una Scauri affollata, con il suo breviario in mano, un certo Cardinale Karol Wojtyla. Egli, il nostro Papa, amava trascorrere le sue vacanze in quegli anni nel Convento delle suore polacche ed era talmente affascinato dalla bellezza della nostra città che ne parlava ai suoi amici polacchi, al punto che negli anni successivi, altri due Primati polacchi, Josezef Glemp e Stefan Wyszysky vennero a trascorrere le loro vacanze in quel di Scauri. Un altro illustre concittadino è stato il Senatore Pietro Fedele, Ministro della Pubblica Istruzione alla fine degli anni ’20; vicini alla nostra città al punto di stabilizzarvisi per lunghi periodi, altri due grandi personaggi: il Generale Umberto Nobile trasvolatore del Polo Nord negli anni 1926 e 1928 ed il Generale Sergio Duilio Fanali, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare e Comandante delle Forze Alleate del Sud Europa. Per venire ai giorni nostri non possiamo dimenticare altri due amici e gentiluomini, il Prefetto Francesco Bernardino, mio concittadino, già Prefetto di Firenze, segretario del Cesis e Responsabile della Protezione Civile ed il Prefetto Giuseppe Procaccini, cittadino onorario al pari di Lucio Dalla ed attualmente Vice Capo della Polizia di Stato. Sempre Minturno ha dato i natali all’Onorevole Gianfranco Conte, Deputato di Forza Italia e alla famiglia della presentatrice Alessandra Canale. Tanti altri amici del mondo dello spettacolo hanno abitato la nostra città, Nino Manfredi, che ne è anch’egli cittadino onorario, vi trascorre le vacanze da oltre 40 anni ed ha girato nelle località pontine le scene del film”per grazia ricevuta”; altri attori si sono fermati nella nostra terra per un breve periodo di vacanza dopo i loro concerti o i loro spettacoli, tra tutti, Massimo Ranieri che ama tuffarsi nel nostro mare non appena può venire a trovare la sorella, frequentatrice da sempre del Lido Aurora e Nino Terzo, attore che abbiamo ammirato in molte commedie all’italiana. Ma la categoria che da sempre frequenta la nostra terra con maggiore continuità è quella dei calciatori. Come dimenticare il soggiorno a Scauri, durante la riabilitazione (effettuata al C.O.N.I. di Formia) per l’infortunio al ginocchio ai tempi in cui giocava nella Fiorentina, di un giovane tutto ricciuto che risponde al nome di Roberto Baggio? Molte pareti delle case dei residenti e dei negozi dei commercianti custodiscono ancora i suoi autografi e le sue fotografie. Ricordo con simpatia anche le visite e i bagni a Scauri di Bruno Giordano e di Lionello Manfredonia, ospiti di Michele Plastino, noto giornalista sportivo anch’egli amante della nostra Scauri. E come dimenticare le partite a tennis ai campi di Via Olivella di Ciro Ferrara e Ciccio Romano ai tempi del Napoli di Maradona? E ancora, i ricordi più freschi mi portano a parlare di Dino Fava, che soli tre anni fa giocava nello Scauri Minturno ed ora gioca in “B” con la Triestina ed è capocannoniere del campionato. Qualche caffè e qualche puntata nella nostra zona l’hanno fatta anche Sebino Nela, Giuliano Giannichedda, Fabio Pecchia e Alex Brunner, tutti giocatori di serie “A”.Una terra, la nostra, ricca di valori e di storia, di poesia e di arte, continuiamo ad amarla.

Pubblicato su “Forum” in data 17.01.2003

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.