Mauro Esposito: tra dieci anni smetto e apro una scuola calcio

Ragioniere, venticinque anni, di Torre del Greco, Mauro Esposito è una delle sorprese del campionato, inseguito da grandi società di serie A e convocato in Nazionale da mister Lippi, che di calcio sembra essere … uno che se ne intende. Nonostante sia salito alla ribalta della cronaca sportiva e sia già uno degli idoli dei tifosi sardi, è rimasto quel ragazzino tranquillo e umile che a dodici anni ha fatto le valige, salutato parenti e amici ed è partito per Pescara, dove già avevano intuito le sue grandi qualità tecniche e umane. Anche oggi che è un giocatore affermato nel tempo libero se ne sta con la sua Alessandra a fare shopping, vedere film o ascoltare musica, senza montarsi la testa, consapevole che solo il sudore del campo e della palestra ne faranno un campione in servizio permanente. Un gran giocatore, con grandi piedi e, per sua fortuna, una grande testa!

Quanto è forte il richiamo della tua terra d’origine?

Molto, sono andato via a dodici anni e ho lasciato i miei genitori, i miei parenti e i miei amici più cari,quando posso torno sempre volentieri.

Per chi tifavi da bambino?

Per il Napoli, che anche oggi seguo con affetto. Erano i tempi magici di Maradona e mio padre mi portava tutte le domeniche in curva “A”.

A che età hai iniziato a giocare a calcio più seriamente?

Molto presto, ho fatto la scuola calcio a Somma Vesuviana poi sono partito per Pescara dove sono stato fino a diciannove anni, quindi sono stato a Udine e questo per me è il quarto anno a Cagliari.

In che ruolo hai iniziato a giocare e chi è stato il tuo idolo?

Ho iniziato a giocare come mezzapunta, il vecchio numero dieci per intenderci e ho avuto due idoli, Maradona e Baggio, due campioni inimitabili che hanno scritto pagine bellissime di calcio.

Se ti dico Zola, cosa rispondi?

Che è un onore giocare con un campione grandissimo e che è un uomo eccezionale e disponibile anche fuori del campo. Non si è campioni se non si è grandi uomini e Zola è un grandissimo campione.

E se ti dico Reja, Arrigoni e Lippi?

Ah, buona questa. A Reja sono legatissimo perché ho vissuto con lui la mia migliore stagione, ho segnato diciassette reti e ho vinto il campionato di serie B. Arrigoni mi permette di svariare per il fronte d’attacco a mio piacimento e di sfuggire così agli avversari che non hanno punti di riferimento. Anche con lui ho un rapporto molto buono, così come con Lippi che è un grandissimo allenatore e che soprattutto ammiro per il modo che ha di rapportarsi con tutti i giocatori. Lippi ama il dialogo e ti mette a tuo agio dandoti sempre consigli preziosi. Permettimi però di parlare anche di Sonetti che è stata una figura per me fondamentale. Quando è arrivato a Cagliari io ero una mezzapunta e lui ha insistito a lungo per convincermi a giocare da esterno. Ha visto lungo e se oggi sono in Nazionale il merito è anche suo.

E se ti dico Cellino e Pederzoli?

Beh, se la squadra va bene è evidente che la società lavora bene e tutti i dirigenti sono validi. Cellino è stato per me determinante perché mi ha preso dall’Udinese dove non giocavo molto e ha creduto in me. È uno che sa di calcio, ha grande entusiasmo ed è il primo tifoso, in senso letterale, del Cagliari. Pederzoli è una persona squisita che lavora molto e con competenza.

Un altro dirigente che stimi?

Pier Paolo Marino, oggi direttore sportivo del Napoli.

Chi sono per te il più grande attaccante e il più grande difensore italiano.

Totti è il più grande attaccante, allenandomi con lui ho verificato che tutto quello che fa lo fa con grandissima naturalezza. Zambrotta e Cufrè sono i difensori con i quali ho incontrato maggiori difficoltà perché sono bravi nel difendere e nel ripartire.

Ti cerca mezza serie A, con chi giocherai l’anno prossimo?

Sono lusingato di tanto interesse ma per il momento sto bene a Cagliari. Ho un contratto di quattro anni con la società sarda e per ora penso solo a giocare bene e a raggiungere presto la salvezza, che resta il nostro obiettivo.

E a salvezza raggiunta a cosa penserai?

Beh, intanto continuiamo a far bene poi si vedrà…

Cosa pensi dei tuoi coetanei in divisa che si trovano in teatri internazionali in nome della democrazia e della libertà?

Il miglior bene possibile: sono ragazzi di straordinaria umanità, sensibilità e coraggio, fanno onore all’Italia e con la loro azione aiutano chi soffre a riemergere dopo anni di tirannia e crudeltà.

Doping amministrativo e doping farmaceutico: due brutte cose.

Due brutte cose che non conosco ma che non cambiano per me l’altissimo valore pedagogico del calcio, che è lo sport più bello del mondo e che non può essere infangato dal comportamento, eventualmente scorretto, di una persona su un milione. Lo sport coinvolge milioni di persone di ogni età e ceto sociale e deve essere salvato da chi cerca di calpestarlo.

Da grande cosa farai?

Voglio giocare almeno per altri dieci anni poi mi piacerebbe mettere a disposizione dei bambini la mia esperienza e aprire una scuola calcio.

Pubblicato sul “Corriere dello Sport” in data 23.04.2005

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.